Categoria poesia

Sotto un cielo stretto

Ora qui, pigiata sotto un cielo stretto troppo basso per le palpebre, le mie mani premono con forza ma se ascolti puoi sentire la folle danza che le accompagna. (Foto di Pexels da Pixabay)

E venne il tempo delle donne

E venne il tempo delle donne, che furono mandate per prime a lavorare dopo l’emergenza causata dalla pandemia. Erano risultate le più resistenti al coronavirus e quindi spettò a loro ricostruire il tessuto economico e sociale. “Ma quando ci ricapita?”,… Continua a leggere →

Io non voglio che tutto torni come prima

Quando sarà finita, io non voglio che tutto torni come prima. Non voglio tornare a intasare le strade. Non voglio tornare a invadere i cieli, a depredare i mari, a sfiancare la terra. Non voglio tornare in salute per respirare… Continua a leggere →

Solo ora

Solo ora che restiamo in disparte Ci accorgiamo degli altri Come quando a nascondino e, per un attimo, di restare soli

Le mille voci dell’universo

So che in qualche parte del mondo esiste un’altra me che sta danzando con il retro delle nuvole e le mille voci dell’universo. Certe sere puoi sentire sulla pelle i canti e le risa di un popolo che non conosci,… Continua a leggere →

Il favoloso mondo della Vezzoli

L’altra sera, al ristorante dove vado di frequente. “Posso chiederti come ti chiami?” mi domanda la deliziosa cameriera. Io: “Giorgia”. Lei: “Perché mi sembra di conoscerti”. Io: “Mi chiamo Giorgia Vezzoli”. Lei: “Cioè il tuo viso, il tuo modo di… Continua a leggere →

I love bookshops

Una donna è bella  quando indossa le curve  delle sue convinzioni.

« Articoli precedenti

© 2020 Giorgia Vezzoli — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑