"UNA FOTTUTA PAURA": GIORNATA MONDIALE CONTRO L'OMOTRANSFOBIA

«Diciamoci le cose come stanno, Trilly» ha dichiarato Sasha guardandomi negli occhi. «Io ti piaccio e adesso hai paura di scoprire che non sia un maschio. Una fottuta paura».
Non gli ho risposto.
«Allora ti faccio questa domanda, Trilly. Che cosa pensi che cambierebbe, fra noi, se io non fossi biologicamente un ragazzo?»
Ancora silenzio da parte mia.
«Se, per esempio, adesso ti dicessi che io sono una ragazza» ha proseguito Sasha. «Pensi che smetterei di piacerti? Pensi che di colpo mi vedresti come un’amica a cui confidare i segreti e con la quale parlare di ragazzi?»
A quell’immagine mi si è rivoltato lo stomaco.
«Pensi, Trilly» ha concluso Sasha avvicinandosi pericolosamente al mio volto «che smetteresti di sentire quello che provi in questo momento?»

(Da "Ti amo in tutti i generi del mondo", Giorgia Vezzoli, Giraldi Editore)

LOVE HAS NO GENDER

"Mi avvicino lentamente a Sasha, mi sollevo sulle punte e abbraccio tutto il suo corpo. Sasha mi stringe a sé con infinita delicatezza, come se fossi una cosa preziosa. Mi conduce per mano sul suo materasso (benedetto materasso nella rimessa!), mi fa sedere e mi bacia sulla spalla, sul petto, nell’incavo dei seni, sulla pancia. Mi stende e continua a baciarmi. Accarezzo la sua pelle dappertutto, ovunque riesco. Siamo due anime che si cercano, che si toccano, che si esplorano con assoluta devozione".

Da "Ti amo in tutti i generi del mondo", il regalo per un #SanValentino fuori dagli schemi ♥

Leggi la scheda del libro 
Acquistalo su Amazon 

 #LoveHasNoGender #LoveWins #AiutoIlGender

TI AMO IN TUTTI I GENERI DEL MONDO: IL MIO NUOVO LIBRO IN USCITA L'1 DICEMBRE 2016

Ebbene sì, il momento è arrivato.
Dal 1 dicembre in libreria e in ebook sarà possibile acquistare il mio nuovo romanzo "Ti amo in tutti i generi del mondo".
Di seguito, la trama:

Nina ha ventun anni, frequenta l’università con poco profitto ma ha già auto-pubblicato un romanzo che le è valso un discreto successo. Si tinge i capelli in maniera compulsiva, beve superalcolici e non ha alcun senso dell’orientamento.
Sasha ha diciannove anni e mezzo, dipinge e lavora al villaggio di vacanze alternative “Armonia e Natura”. È una persona tanto schiva quanto attraente e nasconde un passato doloroso.
Quando Nina vede Sasha per la prima volta al villaggio, dove suo malgrado dovrà soggiornare per un mese, ha solo una certezza: che è una persona affascinante. Ma Sasha è un ragazzo o una ragazza? Il suo nome, infatti, è sia da maschio che da femmina.
Inoltre Sasha non ha un’identità di genere definita e il suo abbigliamento non permette di elaborare particolari congetture sul proprio corpo.
All’inevitabile domanda “ma tu sei un ragazzo o una ragazza?”, Sasha propone a Nina di poterle celare il proprio sesso per tutta la durata del suo soggiorno al villaggio.